sull’ipocrisia e sulla falsità, ovvero la nevrosi collettiva sulla morte di Giorgio Bocca

Cosa c’è di sbagliato nel giudicare l’operato di un uomo, che sia egli vivo o morto?

Sto leggendo sul web numerosi articoli di giornalisti e blogger ed i commenti che ne seguono e posso dire con sufficiente sicurezza che il web si divide in due correnti di pensiero:
– i detrattori di Bocca (tra questi troviamo anche i denigratori)
– i sostenitori di Bocca (tra questi troviamo anche i fanatici)

Per uscire da questa nevrosi collettiva sarebbe utile analizzare direttamente le parole di Giorgio Bocca.
E’ chiaro che questo mio tentativo sarà approsimativo e rozzo… e la mia categorizzazione (detrattori VS sostenitori) potrà sembrare forzata ma quello che mi preme è semplicemente riflettere e lì dove possibile creare un dialogo. Continua a leggere

Annunci